La campania ancora fanalino di coda d’Italia anche per l’eterologa

Immagine

Giugliano in Campania (Napoli). Quando si parla di Eterologa si parla si fecondazione assistita con donazione di gamete. Fino a poco tempo fa le coppie che erano costrette a queste tecniche per avere un bambino dovevano recarsi all’estero inquanto “E’ vietato il ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo”. La legge 40/2004, all’articolo 4 comma 3, vietava l’applicazione di tecniche con gameti di terzo donatore (tecniche eterologhe), di fatto negava la possibilità a migliaia di coppie sterili di avere dei figli. Presso la CLINICA HERA di Giugliano in Campania (centro specializzato nella medicina e nella biologia della riproduzione ndr) sono molte le coppie che avendo provato tutto ma proprio tutto senza nessun risultato e che quindi a causa dei gravi problemi di sterilità puntavano solo all’eterologa all’estero. Questo assurdo divieto è stato cancellato con una sentenza della Corte Costituzionale del 9 aprile 2014.  Riporto quindi con piacere una notizia datata ieri.

Vi riporto le sue dichiarazioni:

(ANSA) – NAPOLI, 26 SET – “La Regione Campania sta lavorando sulle linee guida nazionali, noi adotteremo quelle che le regioni hanno deciso di tenere insieme”. Così, il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, a margine di una conferenza stampa sulla Sanità in Campania.
Caldoro ha aggiunto che la Regione Campania valuterà “nell’ambito della co-partecipazione quale sarà il costo di questa prestazione“. (ANSA).

Oggi è 31 ottobre ed ancora tutto tace, anche gli addetti ai lavori, medici, cliniche specializzate, biologi, sono tutti in stand by in attesa di questo atteso SI regionale, che sembra non arrivare mai! Non sanno cosa rispondere alle decine di coppie che chiedono aiuto in virtù dell’ampio dibattito che anche il Ministro Lorenzin sta portando avanti. Eppure tutto tace.

Due giorni fa 29 ottobre sempre l’ANSA ha riportato le seguenti dichiarazioni: “Sull’eterologa la Corte Costituzionale si è espressa in modo inequivocabile lo scorso giugno: il ricorso a tecniche di procreazione medicalmente  assistita di tipo eterologo non può essere negato, soprattutto qualora sia stata diagnosticata una patologia che causa sterilità o infertilità “assolute ed irreversibili. La Conferenza Stato-regioni, poi, a settembre, ha prodotto delle linee guida affinché le regioni legiferassero e si superasse la vacatio legis, attraverso l’attuazione delle disposizioni contenute negli indirizzi operativi del documento. Ad oggi, però, la Campania sembra essersi fermata“. Flora Beneduce, consigliere regionale, si dice ”in prima linea in una battaglia di democrazia e di umanità, che la politica sembra non voler affrontare”. “L’obiettivo è quello rendere immediatamente esigibile un diritto costituzionalmente riconosciuto e imprescindibile, evitando discriminazioni e assicurando ai cittadini la possibilità di poter accedere alla procreazione medicalmente assistita eterologa – continua la Beneduce – ci sono diversi nodi da sciogliere, come l’inserimento delle tecniche di procreazione medicalmente assistita nei Livelli essenziali di assistenza e il potenziamento dei centri di secondo livello, che attuano, oltre all’inseminazione, procedure progressivamente più impegnative, complesse e invasive in base al tipo di infertilità da affrontare, e quelli di terzo livello, che usano tecniche che richiedono l’anestesia generale”. “La Toscana va avanti, sostiene le famiglie, aiuta la genitorialità – conclude Beneduce – la Campania temporeggia. Intanto coppie di giovani sposi che nutrono il sogno di essere madri e padri sono costrette ad emigrare per ottenere ciò che l’Organizzazione mondiale della Sanità riconosce come un diritto. Ci sono forse lobby nascoste che hanno interesse a frenare? Mi torna alla mente Eleonora Pimentel Fonseca. Combattere per cambiare qualcosa o accontentarsi del resto di niente?“.(ANSA).

Cosa dovremmo pensare??? Ai posteri l’ardua sentenza!

‪#‎IOVOGLIOUNITALIAMIGLIORE‬

Una storia importante capace di spezzare le catene dei pregiudizi. Acquista subito  “Il sogno di essere madre. Una storia di fecondazione assistita”

download

Informazioni su Dario Aloja

Giornalista, designer e grafico per lavoro, fotografo per passione. Ama il web e la comunicazione. Poliedrico, aperto ed affabile, cerca sempre di trasmettere la sua passione per l'arte, la cultura e il vastissimo mondo del web.Attualmente gestisce diversi blog e collabora alla redazione di diverse testate partenopee. Tra le collaborazioni piu' importanti spiccano realtà come Napoli Today, Vesuvius.it, Fotografia30.it, Napolinews24.net, Weekenda.it, Patextra.it

Pubblicato il 3 novembre 2014 su Attualità. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: